Le donne dietro la scrivania

Postato da Manuela Crovato il aprile 28, 2010

Ewa da Korona-pl

“Sfogliando” il web siamo stati attratti dai risultati di una ricerca condotta dalla Cofimp (via la Repubblica.it), società di formazione e consulenza di Unindustria Bologna, che definisce le donne “dietro la scrivania” fredde e calcolatrici. Tale studio sull’intelligenza emotiva di uomini e donne sul luogo di lavoro, confrontato con il medesimo condotto 8 anni prima, ha delineato lavoratrici nettamente meno sensibili, cordiali ed empatiche, e sempre più simili ai colleghi maschi.

Un vero peccato, non c’è che dire, se si considera che l’intelligenza di cui sopra sarebbe uno degli ingredienti indispensabili per avere successo in campo lavorativo.

Intelligenza e titolo di studio elevato, infatti, non sarebbero un lasciapassare sicuro per la carriera, se accompagnati da arroganza, irascibilità, incapacità di trattare con gli altri e di gestire le proprie emozioni.

Decisive ed essenziali sarebbero: capacità di motivare se stessi e sopportare le frustrazioni, di controllare gli impulsi, di adattare i propri stati d’animo, evitando che la sofferenza impedisca di pensare, di essere empatici e positivi.

Questi gli assi vincenti.

Ahimé, la strada dei sensibili e degli insicuri si prospetta tutta in salita…E che dire degli arroganti e irascibili? Sarà proprio vero che anche per loro il successo non è così immediato?

Categorie: Psicologia e lavoro
Tag:, ,
  • Marco

    La vita è per tutti una strada in salita, a volte ci capita di catalagore come “arroganti” quelli più forti di noi per non sentirci deboli. Dovremmo semplicemente dirci che ci sono persone che vogliono lottare più degli altri. Su in cima non c’è posti per tutti…

  • Cristina

    mmmh…l’importante forse non è “dove” si è ma “come” ci si sta!

  • Project

    Forse hai ragione Marco!La tua è una lettura saggia e razionale…Diciamo che probabilmente la maggior parte delle volte le persone che ci paiono arroganti sono semplicemente molto determinate; tuttavia le persone presuntuose e sfrontate ci sono…ovunque!In questo senso ha ragione Cristina quando dice che “l’importante non è dove si è, ma come ci si sta!”…

  • Pingback: viagra()

  • Pingback: James M. Stephenson()

Newsletter

Inserisci qui il tuo indirizzo e-mail per ricevere le nostre newsletter

Iscriviti per: Project Group 2014 Newsletter
Ho letto e accettato l'informativa sulla privacy*