Perchè leader non è sinonimo di capo.

Postato da Project Group il marzo 14, 2016

Settimana scorsa vi abbiamo consegnato la definizione di capo, sfidandovi a resistere fino ad oggi per scoprire la differenza tra capo e leader. Vi siete mai chiesti perché spesso si crea confusione attorno a questi due concetti? In realtà si tratta di due concetti molto diversi e non equiparabili. Usando uno in alternativa all’altro incappiamo nell’errore.

Capo vs Leader

Abbiamo scritto che “il capo è colui che ricopre una posizione di comando definita dall’organizzazione e che prevede la guida di posizioni subordinate”. Fin qui tutti d’accordo. Ma che cosa differenzia il leader dal capo? E’ meglio essere leader o essere capi? Esiste davvero un meglio?

Ecco la definizione di leader, frutto del confronto interno dei nostri consulenti: il leader è colui che guida grazie all’autorità accordata dal gruppo.leader

Perché leader non è sinonimo di capo

Riassumiamo per brevi punti cosa distingue un leader dal capo e diamo finalmente risposta alle domande in sospeso:

  • nel caso del leader l’autorità è accordata dal gruppo, non dall’organigramma aziendale;
  • il leader guida persone non necessariamente a lui subordinate;
  • il leader è parte integrante del gruppo.

Elementi distintivi del leader

Nelson Mandela, Martin Luther King, Steve Jobs e tanti altri… perché sono riconosciuti dall’intera società come dei veri leader?

Perché presentano alcuni tratti della personalità, piuttosto che alcune caratteristiche caratteriali e competenze soft che permettono loro di trascinare il gruppo e guidarlo verso un percorso condiviso.

Julio Velasco è senz’ombra di dubbio uno di quegli uomini che ha lasciato la propria traccia nella storia dello sport. Famoso per aver vinto tutto con la nazionale italiana di pallavolo maschile, è diventato ancor più famoso per aver creato un gruppo straordinariamente unito grazie alle sue abilità di motivatore ed oratore. Chiamato ad intervenire in numerosi convegni e meeting sulle leadership, così presenta i 5 pilastri della leadership:

  1. un leader deve innanzitutto essere se stesso;
  2. un leader deve essere autorevole: deve sapere molto di quello di cui parla, sapere i particolari;
  3. un leader deve essere giusto;
  4. un leader deve saper osservare, capire ed aiutare, oltre a pretendere, controllare e motivare;
  5. un leader deve coltivare il senso di appartenenza al team.

Siete d’accordo con questi pilastri della leadership? Riuscite a metterne in pratica qualcuno o addirittura tutti?

E mentre facciamo un po’ di autoanalisi…non dimentichiamoci la definizione di Leader con la Card di oggi! Alla prossima!

 

Categorie: Business note Parole del management Project Group Soft Skills

Newsletter

Inserisci qui il tuo indirizzo e-mail per ricevere le nostre newsletter

Iscriviti per: Project Group 2014 Newsletter
Ho letto e accettato l'informativa sulla privacy*