Quando si interrompe il pensiero

Postato da Manuela Crovato il settembre 21, 2010

I’m thinking of…da Davide Restivo

Citando tale Hombrone, blogger delirante del web, il Cogito Interruptus è “l’interruzione del pensiero”, ovvero il miglior metodo contraccettivo per evitare che si diffonda troppa intelligenza nel mondo. I dati statistici da lui rilevati da fonti anonime dicono che sia praticato da oltre il 90% della popolazione, qualunque sia il ruolo gerarchico ricoperto.

La letteratura individua fra le principali cause di tale fenomeno, tutta una serie di comportamenti fra cui:

– L’agenda riporta gli impegni di lavoro che prendiamo con gli altri, ma non con noi se stessi: non avvertendone l’importanza siamo più disposti ad essere interrotti
– Non abbiamo stabilito un programma ben definito dei nostri impegni di lavoro, grazie al quale fissare le nostre priorità
– Non abbiamo stabilito una serie di azioni “cuscinetto” grazie alle quali proteggere i nostri momenti di concentrazione e isolarci dal mondo
– Non siamo capaci di liberarci dallo scocciatore di turno per il timore di apparire scortesi
– Quando siamo coinvolti in situazioni che riteniamo di scarso interesse, siamo più propensi a farci interrompere dagli altri e a rimandare ciò che stiamo facendo
– I colleghi o i colaboratori interrompono spesso perchè necessitano di informazioni

Sicuramente a tali cause (pretesti, ragioni…) sarai in grado di aggiungerne altre, rientrando a pieno titolo in quel 90% di popolazione affetto dal COGITO INTERRUPTUS.

Fonte http://www.hombrone.com/?p=36

Categorie: Psicologia e lavoro Time management
Tag:, , , ,

Newsletter

Inserisci qui il tuo indirizzo e-mail per ricevere le nostre newsletter

Iscriviti per: Project Group 2014 Newsletter
Ho letto e accettato l'informativa sulla privacy*