La wiki aziendale

Postato da Project Group il ottobre 7, 2013

Un'immagine fresca fresca dalla nostra Wiki

“Wikiwiki”. Potrebbe sembrare il titolo di un tormentone estivo o l’anagramma del più comune “kiwi”. Beh, niente di tutto ciò. In realtà “wiki” deriva da un termine hawaiano, che significa “rapido” e “molto veloce”, che il padre di questa forma particolare di sito web ha utilizzato per sottolineare la caratteristica di velocità e rapidità nella condivisione delle informazioni, propria appunto della Wiki (o “del” wiki, qui il dibattito è ancora aperto). Ma vediamo in dettaglio.

Presentazione e storia dello strumento

In termini tecnici, la Wiki è un sito Web costituito da documenti ipertestuali (ovvero, pagine unite ad altre, tramite link), i cui contenuti possono essere creati e modificati da tutti coloro che vi hanno accesso. Le pagine ricordano molto i classici file di word, come anche le funzioni ad esse collegate.

Lo scopo è quello di “condividere, scambiare, immagazzinare e ottimizzare la conoscenza in modo collaborativo”. Grazie ad essa più persone, anche geograficamente lontane, possono lavorare sui medesimi documenti, elaborarli e modificarli. Un esempio di successo che tutti ben conosciamo è Wikipedia, l’enciclopedia online “costruita” grazie al contributo degli utenti di tutto il mondo: chiunque lo voglia può fornire e modificare contenuti o aggiungere voci.

Fonte http://easyweb.wikispaces.com/Definizione+di+WIKI

Sua diffusione

Ahimè è assai difficile trovare dati sulla diffusione di Wiki aziendali. Motivo? In primo luogo, molto spesso le Wiki sono associate ad altri programmi per il lavoro e la comunicazione a distanza (come SAP, Sharepoint, ecc..). Un altro motivo per cui è difficile reperire dati riguardanti l’adozione di queste piattaforme è dato dalla loro relativamente recente introduzione. Prevista, a brevissimo, la pubblicazione dell’esito di una ricerca tutta italiana “dedicata all’introduzione di approcci partecipati all’interno dell’impresa“. Speriamo di cogliere qualche segnale di conferma della diffusione anche in Italia di strumenti innovativi di comunicazione e collaborazione in azienda.

Pro e contro

Una piattaforma collaborativa porta con sé numerosi vantaggi. In particolare:

-consente di lavorare contemporaneamente sul medesimo documento, quindi di collaborare in tempo reale e tra persone lontane e limitando la duplicazione delle informazioni;

-garantisce l’aggiornamento continuo sullo stato di un progetto e la raccolta di tutti i documenti (ma anche disegni, video, fotografie collegate) in un unico spazio ;

-consente di aumentare l’innovazione mettendo più facilmente in comunicazione le risorse aziendali, in un dialogo informale (noto quello da “macchinetta del caffè”)

-ogni pagina di una wiki è infatti corredata dalla sezione commenti, nella quale ognuno può esprimere opinioni, riflessioni o domande;

-la piattaforma Wiki non è legata ad una postazione particolare, ma è possibile lavorare tramite qualsiasi dispositivo (persino il proprio cellulare);

-in una wiki aziendale è possibile decidere chi può vedere cosa in modo da permettere diversi gradi di visualizzazione per i contenuti riservati. Infatti, è possibile gestire in modo specifico i permessi di visualizzazione di un contenuto, rendendolo pubblico o privato;

-è sempre possibile sapere chi ha modificato cosa e quando;

ogni modifica è registrata in una cronologia, cosicché è sempre possibile recuperare versioni precedenti di un testo;

intuitiva e facile da utilizzare, almeno nelle sue funzioni base, in quanto ricorda molto, per certi aspetti, il programma Word, integrato agli ormai diffusi e conosciutissimi social network.

Fin qui tutti i vantaggi. Tuttavia,

-occorre disporre di una connessione internet veloce ed efficiente;

-una wiki è un network software, cioè uno strumento che diventa sempre più efficace ed efficiente via via che se ne aumenta l’utilizzo. Ciò significa che soprattutto nelle prime fasi di adozione è difficile captarne il valore;

-come effetto del precedente punto occorre una grande azione di evangelismo e promozione in azienda di questi strumenti. I primi utenti si devono fare carico di stimolare i colleghi ad utilizzare gli strumenti, pena l’abbandono;

-una wiki è totalmente plasmabile: per questo l’azienda è chiamata a un investimento costante per la manutenzione, l’aggiornamento e la personalizzazione degli spazi informativi.

Cosa ne pensa Project Group

La professione di consulente ci porta spesso lontano dall’ufficio e dai nostri collaboratori. Per questo, ormai da parecchi anni, abbiamo adottato una wiki aziendale, grazie alla quale svolgiamo il nostro lavoro quotidiano, condividendo informazioni e documenti con tutti i colleghi. Ognuno di noi ha un proprio account/profilo, grazie al quale può ricevere commenti e apprezzamenti a margine delle pagine dai colleghi, dai project manager e persino dai fondatori dell’azienda! Questo, oltre ad essere molto utile e ad incrementare la comunicazione tra di noi, è particolarmente significativo per i nuovi assunti, che in questo modo si sentono partecipi e connessi, non solo con il proprio team, ma anche con l’intera azienda.

In Project Group per ogni progetto o idea esiste una pagina wiki apposita. Le pagine sono facilmente raggiungibili tramite lo strumento di ricerca, o di condivisione, o di tag: se desideriamo attirare l’attenzione di qualcuno su di una pagina specifica, possiamo menzionarlo, taggandolo nei commenti. In Project Group utilizziamo, infatti, una combinazione di commenti, menzioni e documenti allegati alle pagine, così da sapere istantaneamente lo stato di una commessa o allinearci velocemente su gli obiettivi di un progetto.

Abbiamo scoperto che, utilizzare una wiki per la collaborazione tra team ci aiuta a evitare la creazione di silos informativi, “luoghi” dove le informazioni rimangono inevitabilmente intrappolate, come succede ad esempio con lo scambio di e-mail.

Leggi anche

Wiki aziendale Project Group

Categorie: 2.0 Comunicazione Project Group Psicologia e lavoro Smart Working Time management
  • A fast and practical netbook that may be for the more.

    The Chromebook is also sleeker and includes a more vibrant screen.
    Properly, it has every little thing to try and do with on the web storage.

  • Hello, I log on to your blogs regularly. Your story-telling style is
    awesome, keep doing what you’re doing!

  • Sometimes called a starch blocker, іt’s designed to be taken ɑbout half ɑn hour befrore yοur meal.
    Οur faceѕ are qսite literally a reflection of ߋurselves ɑnd when we begin to accumulate excess fat ѡithin tҺe facе it can be
    hard to eliminate and even harder to know whefe and Һow tto start.
    Wіthout the aid ߋf a wsight loss program, achieving
    weight loss, neѵer mind, makig wight loss easy, іs գuite frankly, neаr impossible.

  • I really like what you guys are up too. This type of clever work and coverage!
    Keep up the good works guys I’ve incorporated you guys to my personal blogroll.

  • A very good photography tip is to usually be early when you happen to be preparing on shooting a sunset or a sunrise.
    However, this was to be expected as there is no denying the fact that
    the D800’s small pixels simply can’t overcome the laws of physics.
    The sd card in the Nikon d800 works like the computer drive, when
    you delete something, the os only marks the space as unused and will overwrite it later on.

  • Pingback: Google()

  • Pingback: URL()

  • Pingback: masinute electrice()

  • Pingback: lowes coupons,()

  • Pingback: buying comic book collections()

  • Pingback: Daniel Wallace()

  • Pingback: Micro cap()

  • Pingback: happy fathers day 2014 quotes()

  • Pingback: reality.reknova.pl/world-wide-web-konsorsiyumu-w3c.html()

  • Pingback: parkieren flughafen zürich()

  • Pingback: Cock*()

Newsletter

Inserisci qui il tuo indirizzo e-mail per ricevere le nostre newsletter

Iscriviti per: Project Group 2014 Newsletter
Ho letto e accettato l'informativa sulla privacy*