Il caffé corretto

Postato da Manuela Crovato il marzo 16, 2010

Google Lounge da Extra Ketchup

Ci si immagini lavoratori appassionati della propria professione e del proprio lavoro, che conoscono e condividono la mission dell’azienda e che agiscono in vista di un obiettivo comune. In questo caso, cambiando le condizioni di lavoro, si modificherebbe anche la necessità di interromperlo. Dipendenti e collaboratori, piacevolmente coinvolti nelle loro attività e liberi di fermarsi all’occorrenza, lavorerebbero in tempi e modalità adeguate e i break risulterebbero giustamente calibrati, secondo un accordo tacito e un’intesa basata sul buon senso.

Sarebbe davvero così impossibile?

Categorie: Benessere organizzativo
Tag:,

Newsletter

Inserisci qui il tuo indirizzo e-mail per ricevere le nostre newsletter

Iscriviti per: Project Group 2014 Newsletter
Ho letto e accettato l'informativa sulla privacy*